A caccia di sorgenti a Marostica

A caccia di sorgenti a Marostica

23 dic. 2017  Le colline di Marostica costituiscono un territorio carsico ricco di cavità sotterranee di tutte le dimensioni, anche di grotte che assorbono le acque meteoriche, le fanno scorrere nel buio del sottosuolo e le riemettono in superficie attraverso una grandissima moltitudine di sorgenti. Alcune di queste hanno un regime permanente, altre si attivano solo durante la stagione fredda, altre solo in occasioni di forti piogge. Le sorgenti che hanno vita breve, talora relegata a poche ore o giorni sono per noi interessanti altrettanto quanto quelle permanenti. Esse infatti nascondono una rete di vuoti sotterranei sconosciuti, forse grotte, quindi spazi percorribili dall'uomo e l'unica evidenza superficiale di questi ambienti sotterranei sono proprio questi piccoli ed effimeri punti di emissione. Si attivano spesso alla base di pareti rocciose a ridosso di valli che ospitano più a monte grotte. I segni del passaggio dell'acqua talora rimangono al riconoscimento dell'occhio esperto per tutto l'anno, in alcuni casi invece se ne perde presto ogni traccia. L'ultimo breve ma intenso evento di precipitazione meteorica risalente ad una decina di giorni fa, ha rappresentato un'occasione ideale per andare a caccia di sorgenti. Alcune di esse le abbiamo viste per la prima volta, altre sono conosciute da sempre ma scarsamente documentate. Fra i territori più ricchi d'acqua di Marostica vi è sicuramente la Val d'Inverno e i Gorghi Scuri ma l'ultima volta siamo andati anche sui versanti del Laverda. Qui, in località Salbeghi vi è un interessante buco in parete che notoriamente quando piove butta fuori un bel getto d'acqua e si apre poco più in basso del nostro caro Buso delle Anguane di Crosara, la grotta più lunga che abbiamo a Marostica. Quando queste sorgenti avranno finito di buttare acqua torneremo a rivederle per capire se possano celare grotte. Valentina Tiberi

 

DSCN1824

Sorgente effimera in Val d'Inverno

DSCN1827

Sorgente effimera in Val d'Inverno

DSCN1846

Affluente della Val d'Inverno

DSCN1853

Sorge effimera in parete in Val d'Inverno

DSCN1939

Sorgente in parete lungo il Torrente Laverda, loc. Salbeghi

sorgente bis

Sorgente in parete lungo il Torrente Laverda, loc. Salbeghi

e5c2bb8e-407d-4318-a2d5-a1da006d3ffb

Sorgente in parete lungo il Torrente Laverda, loc. Salbeghi

663c3b23-515c-4f80-8d90-82e49a22321e

Sorgente in parete lungo il Torrente Laverda, loc. Salbeghi

Joomla templates by a4joomla