Buso delle Banchette

Buso delle Banchette

17 nov. 2017  Tempo fa avevo visto un video realizzato dagli speleologi del Gruppo Speleo Settecomuni in questa piccola cavità fra Pedescala e Rotzo e quando sbirciando la cartografia IGM l'ho trovata vedendo anche che era raggiungibile in pochi minuti di cammino dalle auto, ho pensato sarebbe stata la meta giusta per una giornata come quella di domenica dove eravamo tutti un po' acciaccati o influenzati o semplicemente volevamo passare una giornata tranquilla vedendo cose nuove in allegra compagnia. La grotta si compone di un unico pozzo di una ventina di metri di profondità che verso il fondo si allarga diventando un'ampia sala ricca di concrezioni. Si trova di fianco al sentiero 631 ed è persino indicata da tabelle turistiche. Il posto avevo già visto essere molto bello con le sue banconate di roccia strapiombanti affacciate sulla Valdastico. La squadra è composta oltre che da me da: Maurizio Mottin, Silvia Carlesso, Massimo Santini, Andrea Grigoletto più si sono uniti a noi dal Gruppo di Padova anche Andrea Pirovano e Matteo Barison. Le esplorazioni di questo buco si perdono nel tempo e non saprei chi per primo vi sia sceso vista anche la sua facile accessibilità per uno speleologo di qualunque tempo. Di alcune esplorazioni, tra le prime penso, si può leggere la firma sulle pareti come quella del Gruppo Giovanile Grotte Asiago, alla cui sigla (GGGA) non siamo abituati e ci mettiamo un bel po' a capire chi fossero. Stiamo parlando degli albori dell'attuale gruppo asiaghese agli inizi degli anni settanta. Il nome per esteso lo troveremo scritto giù in grotta da una bella mano artistica nel '74. Mi piacerebbe entrare nella testa di uno di questi esploratori, di quelli che sono speleologi tutt'ora e prendere tutto, TUTTO quello che hanno visto in questo tempo, fino ad oggi, invece tra me e quella scritta d'altri tempi c'è un buco vasto quanto l'ignoto che ancora ci aspetta da esplorare dentro le montagne, incolmabile, fastidiosamente incolmabile.

La calata nel pozzo è davvero semplice, l'armo è davvero il più banale che si possa fare. La sala in cui arriviamo è davvero carina colma di colate calcitiche e di vari tipi di concrezionamenti. Alcuni pipistrelli irrequieti per la nostra presenza sembrano ancora in cerca del posto giusto per passare l'inverno. Queste splendide concrezioni sembra anche che abbiano chiuso possibili prosecuzioni. Non manca come ormai triste tradizione, di trovare rifiuti al fondo e anche i resti di un cane buttato giù probabilmente meno di una anno fa. Sembra impossibile che ancora oggi la gente pensi alle grotte come a luoghi inaccessibili per l'uomo e per questo si permetta di buttarvi dentro di tutto e di più, come se in fondo alle grotte ci siano buchi neri. Ci trastulliamo un bel po a fare foto ed usciamo che praticamente è già pomeriggio. Ne approfittiamo anche per visitare un bel complesso di gallerie belliche a più piani che si trovano più su delle grotta e mostrano ambienti grandi ed articolati.

Sta iniziando a piovere anzi a fa pioggia mista a neve. Avevo adocchiato un paio di pozzi da andare a vedere che nessuno di noi conosceva ma vista l'ora ripieghiamo per vederci le due più importanti risorgenze della zona: quella del Rio Torretta e del Gorgo Santo che sono anche notevoli grotte subacquee, guidati da Massimo che le conosce essendo istruttore sub. Ci colpisce soprattutto la grande bocca del Rio Torretta, davvero imponente. Con l'incalzare del cattivo tempo rientriamo alla volta di casa non prima di ritrovarci a mangiare una pizza insieme ad altre barbastrjie che purtroppo in giornata non sono potute essere dei nostri. Davvero una bella ed istruttiva giornata. Valentina Tiberi

Di seguito foto del Buso delle Banchette

DSCN9668

DSCN0077

DSCN9687

DSCN0041

DSCN9822

DSCN9760

DSCN9713

DSCN9857

DSCN9877

DSCN9893

DSCN0024

DSCN9971

DSCN9864

 Di seguito foto delle gallerie militari delle Banchette

DSCN0132

DSCN0156

DSCN0185

DSCN0200

Di seguito foto della risorgente Rio Torretta

DSCN0215

DSCN0224

DSCN0243

DSCN0245

DSCN0256

E il Gorgo Santo

DSCN0283

 

Joomla templates by a4joomla