Luglio 2014

Un lago sotto le colline di Marostica!

31 lug. 2014 h 19,00 E ccolo, il lago che abbiamo scoperto oggi al fondo del Buso Blade, la grotta verticale sita in loc. Vallonara che è anche l'ambiente sotterraneo naturale più grande del marosticense. La scoperta è stata fatta oggi da una nostra squadra del Gruppo Speleologico CAI Marostica i barbastrji recatasi in questa cavità per mapparla. Si tratterebbe del primo lago conosciuto nel cuore sotterraneo delle colline di Marostica. Un nuovo record si aggiunge a questa maestosa grotta. La notizia ci giunge dagli scopritori che sono appena rientrati: Piero Manghisi, Massimo Santini, Silvia Carlesso e Valentina Tiberi. 

 

silvia blade 1

 

Se vi siete persi il corso estivo nessun problema...

VENITE A PROVARE UN'EMOZIONE CHIAMATA SPELEOLOGIA! 

30 lug. 2014 Con il Gruppo Speleologico CAI Marostica I barbastrji si può diventare speleologi tutto l'anno! CONTATTACI per sapere qual'è la prossima occasione per scoprire i misteri del mondo sotterraneo. Entra nel nostro programma di Formazione Speleologica Continua.

Leggi tutto.

Valentina Tiberi 

locandina grotte di marostica formazione continua rete

 

Una serata al Buso delle Anguane

26 lug. 2014 -  Crosara di Marostica (VI), un po' di foto dall'escursione di ieri sera in questa grotta del marosticense lunga quasi mezzo chilometro. Partecipanti: Valentina Tiberi (G S CAI Marostica i barbastrji), Maurizio Mottin (G S CAI Marostica i barbastrji), Gabriella Grasselli (G G Schio CAI), Moreno Girotto (GG Schio CAI) ed i nuovi amici provetti speleo: Nelda Busato, Davide Bertinazzo e Nicolò Barison.

Valentina Tiberi 

P1010083

P1010106

P1010085

P1010093 Clicca qui per guardare tutte le foto

 

L'ultimo critico evento di pioggia: le verifiche degli speleo

23 lug. 2014 h 17,43  - Sono ancora in corso in queste ore sopralluoghi effettuati dai nostri speleo per verificare la risposta idrologica di alcune grotte/sorgenti che stiamo monitorando, come il Buso del Salvanello ai Gorghi Scuri (Marostica) che parrebbe essere stato interessato da un anomalo evento di spot idrico esaurito già poche ore dopo l'evento piovoso del 21/07, contrariamente alla Grotta d'Estate, sempre nel marosticense, che tutt'ora continua a scaricare acqua. Si stanno verificando anche alcune voragini dell'area pedemontana e del soprastante Altopiano dei Sette Comuni. A breve altre news.

Valentina Tiberi

 

 Salvanello luglio 2014 ok grotta d'estate dopo piena 21 luglio 2014

A sinistra: il Buso del Salvanello, in secca dopo il rapisissimo transito della piena, a destra: la Grotta d'Estate mentre emette ancora un rivolo d'acqua dal suo ingresso

 

Concluso il Corso Estivo, ora parte davvero l'avventura chiamata speleologia

21 lug. 2014  - 13 fra istruttori e docenti di speleologia, 10 allievi che hanno finalizzato il corso più 5 che hanno frequentato solo un'uscita e 3 splendide giornate passate a farci meravigliare dall'incredibile mondo che l'acqua ha scavato nel cuore delle nostre montagne, questo è stato in numeri il Corso Estivo di Speleologia organizzato dal Gruppo Speleo CAI Marostica  barbastrji conclusosi proprio ieri con l'uscita al Buso dea Pisatea, Altopiano del Faedo (VI). Abbiamo risalito per oltre due km i torrenti sotterranei che solcano il Buso della Rana, sferzati dai venti che corrono lungo i quasi 40km di questa grotta. Ci siamo preparati a scendere e salire le verticali delle grotte facendo una palestra di progressione su corda nel maestoso cavernone che si apre sulla sinistra idrografica della Valgadena, quasi al suo sbocco in Brenta. E poi infine siamo andati a scendere davvero le buie vie dell'acqua andando al Buso dea Pisatea dove, dopo una serie di antiche cascate abbandonate dai flutti, si entra nel torrente sotterraneo che ha scavato chilometri di gallerie ricche di concrezioni e forme imponenti, laghi e piccoli salti d'acqua. Quest'avventura del corso si è coclusa ieri ma ora un'altra ancora più grande aspetta tutti gli ormai ex allievi che vorranno continuare a farsi ammaliare dallo spettacolo delle grotte. Sono già in programma uscite per esplorare nuovi ambienti sotterranei, nuove grotte dove nessuno ha mai messo piede. Uscite per mapparle e raccogliere quanti più dati possibile in modo da poterne capire la genesi e il loro particolare ecosistema, farle conoscere a chi non è speleologo. L'anno scorso proprio in questi giorni due ex allievi del corso estivo di speleologia 2013 si accingevano a scoprire il più grande salone sotterraneo naturale del marosticense aprendo la strada per trovare nella stessa area altre 3 nuove grotte. Insomma non mancheranno emozioni per chi vorrà seguirci in quest'avventura chiamata speleologia. Intanto voglio ringraziarvi tutti, voglio ringraziare tutti i partecipanti a queste giornate di corso: INS Maurizio Mottin (G S CAI Marostica I barbastrji), Guido Maria Agostini (G S CAI Marostica I barbastrji), Luca Miotto (G S CAI Marostica I barbastrji), ISS Davide Michele Strapazzon (G S Geo CAI Bassano), Silvia Carlesso (G S CAI Marostica I barbastrji), Massimo Santini (G S CAI Marostica I barbastrji), Aurora Costenaro (G S CAI Marostica I barbastrji), Piero Manghisi (G S CAI Marostica I barbastrji), Nelda Busato, Flavio Noè, Anna Maria dal Ponte, Nicolò Barison, Marco Corradin, Enrico Grespan, Giulio Piras e Sofia, Davide Bertinazzo, Andrea Grigoletto (G S CAI Marostica I barbastrji), IS Luca Dalle Tezze (G G Valdagno), Tiziano Viola (G G Valdagno), ISS Giuseppe Zarantonello (G G Valdagno), Paolo Nizzardo, Francesca Ceccato, Francesco Toniazzo, Giuseppe Visentin (G S CAI Marostica I barbastrji), Marina Presa (G S CAI Marostica I barbastrji)

PS agli allievi dalla vostra direttrice di corso: me ne avete combinate di tutti i colori, siete tremendi! ;-) 

PPS Sotto alcune foto dei primi "sopravvissuti" del corso appena usciti dal Buso dea Pisatela insieme ai loro istruttori/docenti

INS Valentina Tiberi

 

20140720 185917

20140720 190311

20140720 191024

20140720 190131

20140720 185758

 

 

Prove su corda prima della discesa di domani nelle viscere della Terra. 

PALESTRA IN ESTERNO, CORSO ESTIVO DI SPELEOLOGIA

19 lug. 2014 h 21,45 - Che bella giornata oggi passata a salire e scendere le corde sospese sulle pareti rocciose del maestoso cavernone della Valgadena per quella che è stata la seconda uscita del Corso Estivo di Speleologia. In 18 tra allievi ed istruttori/docenti: Valentina Tiberi, Maurizio Mottin, Guido Maria Agostini, Luca Miotto, Davide Michele Strapazzon, Silvia Carlesso, Massimo Santini, Aurora Costenaro, Piero Manghisi, Nelda Busato, Flavio Noè, Anna Maria dal Ponte, Nicolò Barison, Marco Corradin, Enrico Grespan, Giulio Piras e Sofia, Davide Bertinazzo. Sono sicura che molti di voi saranno ancora impegnati nella preparazione dell'uscita in grotta di domani, io stessa ho ancora molto lavoro da fare ma non riesco a trattenermi dal scrivere queste poche righe per ringraziarvi tutti per la bella giornata passata a divertirsi insieme. Quanto invece a domani.. beh... sono sicura che vivrete emozioni ancora più grandi eh eh. Ecco le prime foto di oggi intanto, alcune, scelte in fretta. Poi arriveranno le altre.

Valentina Tiberi

20140719 133254

DSC00053

20140719 105224

20140719 141903

DSC00059

DSC00043

20140719 140739

 

 

Scesi un po' più giù alla Grotta Adriano sotto i tamburi del cielo.

15 lug. 2014 - Un pomeriggio libero e via, se ne approfitta per scendere un po' più giù all'ultima grotta che abbiamo scoperto in Grappa: la Grotta Adriano. Siamo io, Andrea (Icio) Grigoletto, Sergio Tasca e Maria Faccio. Sergio mette a disposizione la sua macchina per andare su ma non è troppo convinto quando il suo bagagliaio sta per esplodere e manca ancora metà della roba da caricare. Comunque si parte, pomeriggio splendente di sole e d'azzurro, speriamo che duri a lungo, il tempo necessario per scendere una nuova verticale della grotta. Non che ci sarebbero problemi in grotta, ma non entreremo tutti. Siamo comunque attrezzati ad affrontare la pioggia, soprattutto Sergio e Maria che sono due esperti e datati escursionisti delle nostre montagne. Arrivati quasi a cima Grappa, 20 minuti di cammino e siamo alla grotta. Io e Andrea iniziamo a preparare la discesa mentre Sergio e Maria vanno in cerca di nuove grotte. Povera Biba, hi hi, oggi è rimasta a casa! 

Entro io per prima. Mi calo per il primo pozzo già sceso la volta scorsa ed inzio a percorrere il meandro che c'è subito dopo attrezzando un traverso. Sotto infatti si apre una spaccatura e bisogna mettere una corda di sicura. Guardo le forme scavate dall'acqua. Leggo una storia geologica che vuole condensare un periodo davvero lungo ed intenso vissuto dalla grotta. Si vedono i segni di quando l'acqua scorreva in pressione orizzontalmente e quelli lasciati dai successivi flussi verticali. Mi vengono in mente le interpretazioni sentite tante volte in occasione di altre visite nelle grotte del Grappa. Mi sa che la storia è un po' più complessa e molto più affascinante! 

Arrivo in un punto in cui parte una piccola verticale. Vedo ora chiaramente il pavimento di blocchi intravisto alla precedente esplorazione. Pianto due multimonti della partenza doppia e scendo, credo per 8-9 metri. Mi fanno da colonna sonora le percussioni del cielo fuori che nel frattempo è diventato minaccioso ed imbronciato. Tuona... e piove, mi dicono da fuori. Sono infatti arrivati anche Sergio e Maria. Piove, piove ma pur avendo sopra la testa un soffitto così alto da arrivare quasi in superficie, non mi vedo arrivare nemmeno una goccia. Le gocce sono tutte ferme là, sulla roccia, chissà da quando, color oro. Atterro sul pavimento della verticale. Sono in un ambiente che ha un diametro maggiore della sua base di almeno 4 metri. Osservo ancora la grotta sia per capirne la storia evolutiva ma anche per capire se già qualcunaltro sia passato di là ma no. Nessuno è mai stato là. Solo io. E la mia luce è la prima radiazione luminosa che hanno visto quelle rocce. beh, per lo meno dopo il tempo in cui era sabbia bianchissima di un fondale marino tropicale. Ora sono solo freddi e duri calcari dolomitici dalla superficie giallognola.

Da fuori mi sentono e chiedo come va sotto la pioggia. Tutto a posto ovviamente però non voglio fare patire i miei compagni d'avventura che non entreranno in grotta. C'è un punto nel pavimento da dove si può scendere ancora per qualche metro. Faccio un frazionamento e mi calo in mezzo ai massi inammovibili. Mi sferza un imponente corrente d'aria. chissà cosa ci sarà più giù, sicuramente qualcosa di grande chissà quanto oltre... Arrivo in un punto dove per andare avanti bisogna fare qualche lavoro di messa in sicurezza. Non oggi. Oggi basta così. Risalgo finchè arrivando alla base del primo pozzetto vedo delle sferette bianche sul pavimento di terra e foglie. Oh, ha grandinato! E non me l'hanno neanche voluto dire. Neanche avessi cercato di farlo apposta, nel momento in cui mi affaccio fuori dalla grotta sono investita da un raggio di sole. Non prendo neanche fiato del tutto che inizio a spiegare cosa ho visto e percorso oggi di nuovo. Il cielo ha finito la sua musica trionfale. Riprendiamo la via del rientro con il pensiero credo così suddiviso: 20% scoperta odierna, 80% cosa ordinare alla prima trattoria che incontreremo scendendo. Tale pensiero si concretizzerà in un bel piatto di pappardelle con sugo della casa, coniglio, polenta e verdure. Va beh, vino e pure il dolcetto. Eravamo gli unici clienti ed il secondo foglietto della serata del blocchetto delle ordinazioni del cameriere è stato usato per farci lo schizzo della grotta :-).

Valentina Tiberi

adriano grappa 11 luglio 2014

 

 

E' iniziata l'avventura: corso estivo di speleologia, Buso della Rana

13 lug. 2014 h23,30- Staranno sicuramente ripensando ancora alla giornata di oggi i partecipanti all'uscita al Buso della Rana (Monte di Malo), che è stata anche la prima uscita del Corso Estivo di Speleologia. Ci staranno ripensando tutti perchè è stato davvero bello ed emozionante percorrere i torrenti sotterranei di quella che è una delle più belle grotte d'Italia. Sicuramente Davide starà ripensando ai "laminatoi"; li ripenserà a come glieli ho definiti sentendosi una fetta di prosciutto in mezzo a due fette di pane. Paolo sarà ancora col pensiero a cavalcioni su quella finestrella di roccia che si getta fra due pareti verticali liscissime. Giulio ripenserà alle magnifiche gallerie scavate dall'acqua tanto da sembrare fatte dall'uomo. Giuseppe ricorderà la grandezza dei saloni e la potenza della natura sui piani di faglia di Sala della Scritta. Francesca e Francesco ripenseranno alle scalette che risalgono fragorose cascate dove si fa fatica a sentirsi. I ciottoli bianchi e neri del pavimento, gli speleo incrociati durante il nostro cammino: oltre 50 da Brescia, Malo e dall'America. Noi eravamo in 17: 11 corsisti/neofiti e 6 accompagnatori/istruttori di speleologia. Qualcuno ha perso quest'occasione ma lo ritroveremo il prossimo week end. Intanto voglio ringraziare tutti i partecipanti di oggi: Paolo Nizzardo, Francesca Ceccato, Francesco Toniazzo, Nelda Busato, Marco Corradin, Dal Ponte Anna Maria, Noè Flavio, Aurora Costenaro, Giuseppe Visentin, Davide Bertinazzo, Maurizio Mottin, Davide Michele Strapazzon, Luca Miotto, Andrea Grigoletto, Marina Presa, Giulio Piras. 

Ci siamo davvero divertiti anche se siamo un po' tutti cotti per aver camminato 8 ore in grotta risalendo torrenti, scavalcando grossi massi, infilandosi per finestre rocciose che immettono su sale enormi dove potrebbe starci dentro 3 volte la mia casa. Abbiamo trovato la grotta che finiva di buttare fuori l'acqua piovuta stanotte. Un po' fragorosa all'ingresso, placida e quieta quando siamo usciti, con livelli di poco superiori ai periodi di magra. C'era davvero poca acqua rispetto a quanto ci aspettassimo. Immersi comunque con le gambe fino al ginocchio, il vento fresco che ci è venuto in contro più volte durante l'andata, siamo arrivati al bivacco di Sala Snoopy dove un bel sole giallo è dipinto sul tendone. Bravissimi tutti ad essere arrivati fin là superando anche qualche passaggetto tecnico di certo non facile. E' si siamo arrivati un bel po' in là e ne è valsa la pena. Guardate il rilievo e le foto al sito della grotta: http://www.busodellarana.it/catasto.htm 

Guardate dove siete arrivati! Alla prossima ragazzi, ci vediamo il prossimo week end. Chi volesse venire a vedere o a provare è ancora possibile iscriversi per partecipare alle prossime uscite del corso. Non esitate a contattarci.

 

Ancora aperte le iscrizioni per il Corso Estivo di Speleologia

11 lug. 2014 - E' prorogata a martedì 15 luglio la scadenza per le iscrizioni al Corso Estivo di Speleologia. Ancora qualche giorno quindi per poter partecipare alle uscite del 19 e 20 luglio. Chi interessato contatti la direzione del corso: INS Valentina Tiberi: 333-4961125 mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo." style="font-size: 16px;">Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per i dettagli del corso clicca qui

 

 

Domenica 13: Buso della Rana, venite ad emozionarvi! 

 

Buso della Rana 13 luglio 2014

 

 

Discesa dentro il Grappa sconosciuto. 

07 lug. 2014 - Quando voglio far ricominciare nella mia testa l'emozionante video di ricordi della giornata di ieri il primo fotogramma che compare è sempre quello di noi quattro, che zaini in spalla, procediamo a passo spedito per uno dei tanti sentieri di Cima Grappa, superando di tanto in tanto qualche gruppetto di escursionisti in pantaloncini corti fermi ad osservare qualche fiore o qualche tabella segnaletica. Noi abbiamo fretta, io ho fretta, Andrea ha fretta di arrivare alla Grotta Adriano per proseguire l'esplorazione iniziata qualche settimana fa. Abbiamo sbirciato dove non ha mai messo ne occhio ne piede nessun uomo ed ora siamo ansiosi di poterci andare in quei luoghi sconosciuti nel cuore della montagna. Sto sudando e ho il fiato corto eppure corro. So bene che arrivare un minuto prima alla grotta non cambierà l'esito della giornata -forse- ma ho smania di arrivare, i minuti che mancano alla nostra meta li consumo. Sono lisi dalla mia voglia. Siamo io, Maurizio  (Buba) Mottin, Marina Presa e Andrea (Icio) Grigoletto. Più tardi ci raggiungeranno Massimo Santini e Silvia Carlesso. Oggi io VOGLIO arrivare oltre, là dove ho buttato solo un filo d'occhio. Leggi tutto.

Valentina Tiberi

 

20140706 130924

 

 

06 lug. h 19,30 - Esplorazione in diretta dal Grappa: appena usciti dalla Grotta Adriano che ci ha regalato l emozione della scoperta di nuovi ambienti sotterranei scavati dall'acqua. Ora stiam riposando all'ultimo sole, aspettando che esca da una grotta vicina un'altra squadra di barbastrji. Valentina Tiberi & Marina Presa.

Alle esplorazioni hanno anche partecipato: Maurizio Mottin, Andrea Grigoletto che è anche lo scopritore della grotta, Massimo Santini e Silvia Carlesso. 

Valentina Tiberi

 

 

Luglio: il mese ideale per diventare speleologi!

03 lug. 2014 - In questo mese appena iniziato, un ricco programma di eventi aspetta chi vuole conoscere cosa si cela nel cuore dei nostri rilievi montuosi e/o diventare uno speleologo, ovvero l'ultimo esploratore geografico dell'era moderna. Si comincia con l'uscita didattica in grotta di domenica 13 al Buso della Rana. E' un'uscita con percorso orizzontale adatta a chi si approccia per la prima volta alla materia o anche a chi vuole lasciarsi trasportare dalla maestosità di una delle più belle grotte della penisola. E' anche la prima uscita del Corso Estivo di Speleologiache proseguirà poi nelle date del 19 e 20 luglio ma si può prendere parte all'escursione del 13 senza necessariamente poi partecipare alle due uscite successive del corso che prevedranno delle attività più tecniche di progressione su corda. Domenica 13 si parlerà in grotta di geologia e speleogenesi, di biospeleologia, di metereologia ipogea, di idrologia, mentre sabato 19 e domenica 20 prenderemo in esame gli aspetti relativi alle caratteristiche delle attrezzature speleologiche, la prograssione verticale, il rilievo ipogeo e il soccorso in grotta. Per chi vorrà, a queste giornate faranno seguito delle attività speleologiche vere e proprie: esplorazione, ricerca di nuove grotte, rilievo topografico, documentazione fotografica... durante le quali i partecipanti alle uscite del 13, 19 e 20 saranno invitati a diventare protagonisti!

Non esitate a contattarci! 

Valentina Tiberi 

Joomla templates by a4joomla